Il tuo sito web è terminato. Funziona. Quindi non devi più occupartene. I visitatori arriveranno. A frotte, si spera. Ma spesso non tutto funziona come previsto e i visitatori spariscono più in fretta di quanto ci abbiano messo ad arrivare. Sempre che lo abbiano trovato, il tuo sito… Una cosa è comunque certa: in futuro il tuo sito web non dovrà essere identico a oggi. Perché la concorrenza non dorme mai, e neppure Google… e ancora meno i tuoi visitatori.

Prova con qualcosa di nuovo
Chi gestisce un sito web rischia di finire ben presto fagocitato da un tran tran che soffoca l’ispirazione. Il sito diventa sempre più noioso e “ingiallito” e questo si ripercuote sui visitatori. Quindi prova spesso qualcosa di nuovo! Ad esempio, realizza un video anziché un articolo per il blog. Cambia il tuo stile di scrittura: qualche volta può essere utile scrivere in modo più leggero e ironico. Poi di nuovo serio. Caricaturale. Satirico. Giornalistico. Fiabesco. Abbandona la comodità dell’abitudine, e fai un salto nel buio. Crea varietà! Perché i tuoi visitatori desiderano essere sorpresi. Soltanto così torneranno.

Cerca ispirazione!
Chi vuole trasmettere contenuti apre l’editor di testo e scrive. Chi desidera creare un’immagine informativa apre Illustrator o Photoshop. Ora scombiniamo un po’ le carte… se vuoi scrivere: inizia con un’immagine. Se desideri realizzare una foto o un grafico: inizia descrivendolo. Abbozza le tue idee innanzitutto su carta. Indirizza a te stesso un’e-mail in cui illustri la tua idea. Inoltre, come cercheresti di renderla comprensibile a tua nonna? E a un bimbo piccolo? E al direttore di un gruppo assicurativo? O al cliente abituale di un pub che preferisce sempre e comunque la birra del dopo ufficio a Internet? Questo ti aiuterà a trovare tante idee per un approccio migliore o quantomeno diverso!

Segui i tuoi modelli
Chiaro, copiare non è la soluzione. Ma in rete c’è sempre qualcuno che sa fare qualcosa meglio di te. Cerca di capire perché. È una questione di stile? Di struttura interna? Di design? Cerca di analizzare il loro modo di procedere e i loro risultati. Qui non si tratta di chiedersi “Mi piace?”, ma “Perché mi piace?”. Così hai a disposizione un paio di strumenti nuovi, che ti aiuteranno a sviluppare ulteriormente il tuo lavoro.

ottimizza il tuo sito web

E tu, vorresti leggerlo?
Una frase micidiale, tipica degli amici armati delle migliori intenzioni, è: “quando arriva la carovana di persone interessate a questo?”. Sii onesto con te stesso: il tuo tema è davvero abbastanza interessante da poter essere comunicato al mondo? Tu vorresti leggere ciò che scrivi? Vero, “content is king”, solo che ci sono tantissimi re noiosi. Mentre ce ne sono alcuni di cui leggi sempre molto volentieri le avventure. C’è il principe Costantino dei Paesi Bassi, capo di gabinetto del commissario UE per l’agenda digitale. E poi c’è il principe Harry d’Inghilterra che mostra di tanto in tanto al mondo il suo posteriore nudo. Quale dei due suscita più interesse? Appunto.

Fai conoscere i tuoi contenuti
Con tanta fatica hai scritto, migliorato, rielaborato e riscritto i tuoi contenuti. Ora fai clic sul pulsante “Pubblica”. Finito! Davvero? Naturalmente puoi affidarti alla speranza che prima o poi qualcuno si imbatterà nei tuoi contenuti. Ma questo non basta. Occuparsi di content marketing significa anche attirare l’attenzione del pubblico target sui contenuti. E a questo compito devi dedicare del tempo, soprattutto per le pagine di cui vai particolarmente fiero. Rifletti su chi potrebbe essere interessato, dove e in che modo puoi rivolgerti a queste persone sul web. Forse il primo tentativo non sarà un successo clamoroso. Ma ogni volta saprai qualcosa in più!

Analizza i tuoi successi
Ci sono due tipi di utenti delle statistiche per siti web: quelli che si collegano ogni ora per vedere cos’è successo, e quelli che hanno scaricato il tool e subito dopo se ne sono dimenticati … Vale la pena eseguire ogni tanto una piccola analisi. Nel comportamento dei visitatori si evidenziano determinati schemi? Su quali pagine si soffermano più a lungo? Vi sono aspetti comuni nella struttura, nel contenuto, nella forma, nella lunghezza o nel tema? Sulla base delle conoscenze emerse puoi redigere un “ricettario” nel quale definisci idee per i contenuti e linee guida stilistiche. Crea con regolarità nuovi contenuti (il “nuovo” va sempre bene!) mettendo in pratica le conoscenze acquisite.

E poi?
Non credere a tutto quello che dicono i blog SEO. In parte si tratta di assurdità incredibilmente obsolete. Attieniti a Google e a pagine davvero affidabili, ad es. moz.com/blog. Prova sempre qualcosa di nuovo, ad esempio per quanto riguarda i testi e la sequenza nella navigazione, il tipo e la presentazione delle immagini ecc. e testa i risultati. Adotta strategie per accrescere la tua credibilità (referenze e loghi dei clienti, premi vinti, garanzia soddisfatti o rimborsati, versioni di prova gratuite, ecc.). Semplifica la procedura accompagnando il cliente passo dopo passo sino alla conclusione definitiva (“call to action” ottimizzato). Verifica i tuoi moduli. Verifica i link sulla tua pagina (esistono tool molto pratici per farlo!). Aggiorna la grafica e il layout. In altre parole: quando il sito web è finito, il lavoro in realtà è appena cominciato! Buon divertimento.

Il meglio batte il bene: ottimizza il tuo sito web!

Sandro Bertschinger

Sandro per un periodo relativamente lungo è rimasto dell'avviso che i computer non fossero così divertenti. Il suo apogeo fu un Amiga 500, utilizzato come “game-machine”. All'avvento di Internet e della concomitante possibilità di costruire pagine web "cool", il tema dei computer iniziò a trasferirsi al centro dei suoi interessi. Nel 2001 la sua strada si incrociò con quella di una ditta che si occupava di Internet.

0